Desolata (I)


Città di Canosa – Puglia Sabato Santo – Pasqua 2005. Bambini vestiti da angioletti aprono la processione mostrando gli oggetti e le frasi della passione di Cristo. A seguire la statua della Desolata accompagnata dalla banda del paese e da un coro composto da una moltitudine di donne col volto coperto e vestite di nero, alcune ancora oggi scalze, che cantano, con un impatto sonoro impressionante, il meraviglioso Inno alla Desolata. Processione della Desolata. © Alessandro Viganò

Scheda tecnica

Macchina Fotografica: Canon

Modello: 20D

Obiettivo: 80-200

 

981f84df678883c289272abcc0c41df6.jpgAlessandro Viganò, nato nel 1972, vive e lavora a Milano. Si laurea in architettura presso il Politecnico di Milano con una delle prime tesi digitali su CD-ROM sulla presentazione multimediale di alcuni progetti di architettura a Dublino. Socio Fondatore dello studio di comunicazione visiva “Zeta Lab” che si occupa di comunicazione aziendale a tutti i livelli: dalla carta stampata, al web, passando per la fotografia e il video.

Partecipa a produzioni video occupandosi di montaggio audio e video. Fotografo ufficiale nel progetto “The Official point of View” – un libro che illustra l’evento “Salone del Mobile” della città di Milano. All’inizio del 2008 fonda con altri quattro fotografi “Terza Tendina”, un progetto di collaborazione professionale finalizzato alla produzione e alla gestione dell’immagine digitale.

Link sito: Alessandro Viganò

 

 

 

BelleFoto pubblica esclusivamente contenuti ed informazioni forniti dai rispettivi autori e proprietari legali del copyright

 

 

 

NOTE IMPORTANTI:

– BelleFoto non ha carattere di periodicità e non rappresenta “prodotto editoriale” ex L.62/2001…

– Testi, immagini e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari del © copyright.

– Il sito BelleFoto declina ogni responsabilità concernente i contenuti dei siti segnalati.

 

 

Desolata (I)ultima modifica: 2008-02-01T00:05:00+01:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Desolata (I)

I commenti sono chiusi.