Deposito container, La Spezia


Deposito container, La Spezia (Italia). © Gianni Galassi

Serie l’età del ferro Di molte fabbriche, per buona parte del Novecento luoghi simbolo della storia e dell’economia dei paesi avanzati, sopravvivono manufatti che oggi si rivelano più longevi delle attività che vi erano ospitate. L’architettura industriale del secolo passato, anche quando diventa archeologia, è ricca di valori estetici (quasi sempre involontari) che la vicinanza della più celebrata monumentalità classica tende, ingiustamente, a mettere in ombra.

 

5762e3f955d7400b264a2d6e13e4cad0.jpgGianni Galassi, ancora sedicenne, concilia gli studi nella nativa Milano con l’apprendistato presso uno studio fotografico. Nel contempo dà inizio a una ricerca personale che proseguirà anche dopo l’avvio, nel 1972, dell’attività in proprio che lo vede specializzarsi nello still-life e nella fotografia industriale. A ventiquattro anni espone i suoi lavori alla Galleria “Il Diaframma” di Milano. Tra il 1977 e il 1978 realizza per il regista Marco Tullio Giordana i sopralluoghi fotografici del film “Maledetti vi amerò”. Ed è la realizzazione, nel 1979, di un documentario sulla manifestazione che la Biennale di Venezia ha dedicato proprio alla fotografia, ad avvicinare Galassi a Roma ed al cinema. Seguiranno altri documentari, negli anni ’80, insieme a spot per aziende italiane e straniere. Dopo diverse esperienze come sceneggiatore e aiuto regista, si impegna nel campo della post-produzione audio e video, come tecnico e come imprenditore. Parallelamente prosegue l’attività fotografica. I suoi lavori sono stati ospitati in numerose mostre: nella scorsa stagione il Museo Nazionale di Palazzo Venezia, a Roma, ha ospitato la sua personale dal titolo “Extralight”, e il Festival Internazionale della Fotografia ha esposto un suo portfolio dal titolo “L’età del Ferro”. Nel 2008 ha realizzato un libro dal titolo “SQUARE”.

Link sito: Gianni Galassi

 

 

BelleFoto pubblica esclusivamente contenuti ed informazioni forniti dai rispettivi autori e proprietari legali del copyright

 

 

NOTE IMPORTANTI:

– BelleFoto non ha carattere di periodicità e non rappresenta “prodotto editoriale” ex L.62/2001…

Testi, immagini e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari del © copyright.

Il sito BelleFoto declina ogni responsabilità relativa ai contenuti dei siti segnalati.

 

 

 

 

Deposito container, La Speziaultima modifica: 2008-06-26T12:00:00+02:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Deposito container, La Spezia

  1. Non ci credo… uno degli angoli più brutti di Spezia ha qualcosa da dire in questa foto!!!!

I commenti sono chiusi.