Segni d’acqua – Gatta 2008


Serie di fotografie scattate in una domenica di sole nell’appennino reggiano (provincia di Reggio Emilia) vicino a dove abito. © Massimiliano Salvi

 

32bcd44bea77d83815d74b68612eff6f.jpgMassimiliano Salvi, nasco a Carbonia in provincia di Cagliari, Sardegna, il 24 novembre del 1978 e ho impugnato una macchina fotografica per la prima volta da piccolo… era la Mamiya manuale di mio padre, che in tanti anni aveva già fatto migliaia di scatti. Completamente autodidatta (se si escludono i preziosi consigli paterni) e ossessionato dall’estetica, all’età di 19 anni mi sono avvicinato alla fotografia di moda, affascinato dalle immagini viste principalmente in riviste e manifesti pubblicitari, ora che ne ho 29 il mio stile si è avvicinato più al ritratto, dove è il soggetto fotografato è il vero protagonista della foto. Cerco di cogliere la bellezza e la sensualità delle persone che fotografo esaltando la loro personalità e cercando di andare al di là di quella che è la sola immagine esteriore, lasciandole liberissime di muoversi sul set e di mostrarsi all’obbiettivo come vogliono, senza mai forzarle in pose e atteggiamenti che risulterebbero innaturali ma aiutandole a raccontare se stesse nelle immagini che realizzo insieme a loro. In questo momento la mia sede è vicino a Reggio Emilia e fotografo sia in interno che in esterni… quando posso fotografo ancora in Sardegna grato alla mia terra che mi offre tante suggestive locations.

Link sito: Massimiliano Salvi

 

 

BelleFoto pubblica esclusivamente contenuti ed informazioni forniti dai rispettivi autori e proprietari legali del copyright

 

 

NOTE IMPORTANTI:

– BelleFoto non ha carattere di periodicità e non rappresenta “prodotto editoriale” ex L.62/2001…

Testi, immagini e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari del © copyright.

Il sito BelleFoto declina ogni responsabilità relativa ai contenuti dei siti segnalati.

 

 

 

 

 

Segni d’acqua – Gatta 2008ultima modifica: 2009-01-05T12:00:00+01:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo