Metro di Porto


Passa il treno nel tunnel d’ingresso della stazione della metropolitana “Campo 24 de Agosto” (Linea B – Linha da Póvoa) nel pieno centro della città di Porto, in Portogallo. La “Metro do Porto” è un sistema di trasporti pubblici che consiste in una rete ferroviaria elettrificata, sotterranea nel centro della città e in superficie in periferia.   © António Amen

Titolo originale: Metro – Estação Campo 24 de Agosto

 

cc2ba9db296b8861808d17e40ed84d92.jpg

António Amen, è nato nella Città di Porto, al nord del Portogallo. Da giovane, si avvicina alla fotografia, iniziando a partecipare ad un corso negli anni’70, ma fondamentalmente la sua formazione è da autodidatta. La sua preferenza è indirizzata verso la fotografia architettonica, paesaggi e vita urbana. In genere afferma che il suo studio è il palco della vita. I suoi lavori fotografici sono stati pubblicati da diverse riviste nazionali ed internazionali. La WOA gli ha dedicato una pagina nel suo libro “Book Famouse – Contemporary Artists” alla pagina 28.

Più recentemente fu coautore, con responsabilità della gestione degli spazi fotografici, del libro “Nobre Povo” della casa editrice Gailivro. Ha nel suo attivo innumerevoli esposizioni sia personali che collettive, dove è stato premiato per molti dei suoi lavori. Il motto personale che distingue la vita da fotografo di António Amen è “Fotografia é luz, é paixão, é emoção fixada no tempo” ovvero “Fotografia è luce, è passione, è emozione fissata nel tempo”.

Link sito: António Amen

 

 

BelleFoto pubblica esclusivamente contenuti ed informazioni forniti dai rispettivi autori e proprietari legali del copyright

 

 

 

Disclaimer:

– BelleFoto non ha carattere di periodicità e non rappresenta “prodotto editoriale” ex L.62/2001…

– Testi, immagini e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari del © copyright.

– Il sito BelleFoto declina ogni responsabilità concernente i contenuti dei siti segnalati.

 

 

Metro di Portoultima modifica: 2010-03-24T13:06:50+01:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo