La magia delle maschere Dogon


Arrivato al villaggio Tireli, nella Falesia del popolo Dogon, nel profondo e ancora poco conosciuto Mali, mi sono ritrovato immerso in una cacofonia di suoni, colori, odori, movimenti… scattando velocemente fuggo dai ballerini posseduti dal ritmo e dalla furia di un sole incandescente, ad un tratto mi trovo davanti a questa maschera. Improvvisamente immobile. Quasi ipnotizzato mi avvicino, risucchiato dalle orbite nere… BUHH!!! mi spaventa a morte. E le maschere ridono tutte insieme… Non l’ho fotografato quel momento. Tanto non sarebbe piaciuto neanche a voi. Fotocamera Olympus OM2, grandangolo 72-220. Negativo a colori. © Simone Sturla

Foto in concorso a “Travel Photographer of the Year” sezione Festival&Celebrations.

 

simon.jpgSimone Sturla, sinologo, ha lavorato a lungo come guida e referente sul campo per tour operator italiani e stranieri in Africa ed Asia, e supportando troupe televisive e fotografi internazionali… imparando anche qualcosina. Ha sviluppato un’approfondita conoscenza dei luoghi e delle tradizioni di numerosi paesi: oggi se ne avvale come autore per la Casa Editrice Polaris sull’Asia (Myanmar (2007), Thailandia e Cina dell’Ovest di prossima pubblicazione, e per le sue consulenze presso tour operator di alto livello.

Attualmente in Italia, ha collaborato per anni con il primo tour operator del Tailor Made di lusso italiano, Bradipo Travel Designer. Il profilo di Simone Sturla su Facebook.

Link site: Simone Sturla

 

 

BelleFoto pubblica esclusivamente contenuti ed informazioni forniti dai rispettivi autori e proprietari legali del copyright

 

 

 

Disclaimer:

– BelleFoto non ha carattere di periodicità e non rappresenta “prodotto editoriale” ex L.62/2001…

– Testi, immagini e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari del © copyright.

– Il sito BelleFoto declina ogni responsabilità concernente i contenuti dei siti segnalati.

 

 

La magia delle maschere Dogonultima modifica: 2010-09-20T12:00:00+02:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo