La Costa Viola


Un tramonto radioso a Rovaglioso (Palmi – RC). © Giancarlo Parisi

La Costa Viola è il nome con cui si identifica un’area geografica della provincia di Reggio Calabria immediatamente a nord del capoluogo e rientrante nell’area metropolitana di Reggio Calabria, che si affaccia sul mar Tirreno e sullo Stretto di Messina.

 

giancarlo parisi,bellefotoGiancarlo Parisi, dottore in Scienze Giuridiche e laureando in Giurisprudenza, ormai da molto tempo mi interesso attivamente di  Fotografia, un percorso iniziato praticamente per gioco e che nel corso degli anni è diventato una vera e propria passione che assorbe molte delle mie energie. Pratico la Fotografia prima di tutto per interesse personale, partecipando a mostre, concorsi ed eventi vari, ma anche impegnandomi in attività più specificamente divulgative, allo scopo di condividere esperienze e conoscenze e di aiutare i neofiti ad approcciarsi alla fotografia con la consapevolezza e lo spirito necessari.

Ho organizzato incontri con appassionati, nei quali ho affrontato argomenti tecnici, sociali, storici e formali legati alla Fotografia; curo personalmente la sezione Cultura Fotografica sul forum del FotoClub Oltre di Reggio Calabria del quale sono anche moderatore, scrivo su numerosi forum di tecnica e cultura fotografica, e ho da poco iniziato una collaborazione con Circolo Fotografico.

Gestisco un blog, IMAGO VERITATIS, che è l’evoluzione naturale di questo percorso; uno spazio virtuale dall’ampio ventaglio di tematiche trattate nel quale riverso, compatibilmente con gli impegni quotidiani, conoscenze, esperienze,  considerazioni e riflessioni sulla Fotografia e sul mondo dell”immagine, allo scopo di creare momenti di confronto con  chiunque abbia voglia di partecipare alle discussioni.

La fotografia mi permette di imprimere in modo tendenzialmente durevole l’ombra di una effimera sensazione generata dalla fruizione del mondo, consentendomi di viverla completamente riguardando la stampa. Paradossalmente io non vivo pienamente ciò che fotografo “mentre” lo fotografo, ma soltanto dopo, quando sono riuscito a fissarlo su carta nel migliore dei modi possibili.

Ho sempre odiato il termine “arte” associato alla fotografia, è un concetto troppo ampio e troppo facile da applicare a tutto ciò che si differenzia dall’ordinario. Senz’altro la fotografia può essere una forma d’arte (letteralmente: ogni attività umana che, poggiando su accorgimenti tecnici, abilità innate e norme comportamentali derivanti dallo studio e dall’esperienza, porta a forme creative di espressione estetica), ma perchè lo sia non basta un’inquadratura diagonale, un panorama notturno o un soggetto semplicemente meno comune, così come per fare un dipinto non basta imbrattare una tela  per definirla “capolavoro astratto”. Ci vuole un filo conduttore, una ricerca consapevole, ragionata e infine creativa perchè una attività possa definirsi artistica.

Non considero “artistiche” le mie fotografie. Attraverso di esse cerco di fissare dei momenti che, nel bene o nel male, raccontano qualcosa, ovvero offrono degli spunti di riflessione su temi più ampi di quelli  immediatamente richiamati dall’istante immortalato. Per realizzarle mi affido alla realtà, a volte cogliendola così com’è, altre volte decontestualizzandola, ma mai stravolgendola: dipendo dalla realtà, solo essa può o meno  essere artistica.

Molte delle mie fotografie sono dei momenti di vita, momenti che, indipendentemente dalla capacità tecnica necessaria per fotografare, possono essere comunque apprezzati dal vivo da qualunque attento osservatore, con la differenza che esse fissano quell’istante e lo rendono fruibile all’infinito: il potere della fotografia, infatti, è quello di fermare il tempo, come in un fermo immagine cinematografico, al fine di poter apprezzare ogni sfumatura di un determinato evento.

Henri Cartier-Bresson diceva testualmente che:

Fotografare è riconoscere nello stesso istante e in una frazione di secondo un evento e il rigoroso assetto delle forme percepite con lo sguardo che esprimono e significano tale evento“.

Ecco, io credo che non ci siano parole migliori per definire la fotografia. Odio l’approssimazione, la superficialità e la faciloneria in genere, ancor più se applicate alla fotografia. Amo il digitale perchè mi ha consentito di trovarmi fotograficamente, lo odio perchè ha fatto credere a molti che per diventare fotografi basta saper usare un computer. Il profilo di Giancarlo Parisi in Facebook.

Link sito personale: Giancarlo Parisi

 

 

BelleFoto pubblica esclusivamente contenuti ed informazioni forniti dai rispettivi autori e proprietari legali del copyright

 

 

 

Disclaimer:

– BelleFoto non ha carattere di periodicità e non rappresenta “prodotto editoriale” ex L.62/2001…

– Testi, immagini e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari del © copyright.

– Il sito BelleFoto declina ogni responsabilità concernente i contenuti dei siti segnalati.

 

La Costa Violaultima modifica: 2011-05-27T12:00:00+02:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo