Piedi Samburu

Era un po’ che aspettavamo… la macchina dei ranger non arrivava a prenderci. Ero in compagnia di giovane alto, ben fatto, vagamente imbarazzato dalla barriera linguistica che ci separava, e dell’ombra che ci costringeva vicini. Si appoggia al muro, guarda all’orizzonte. Avevo notato le sue calzature, realizzate con i copertoni delle jeep e modellate con i chiodi. Avvolgono i suoi … Continua a leggere